45°54’ N 11°55’ E

Valdobbiadene

Nel nome della terra

Quando parliamo di Prosecco Superiore parliamo di un legame tra la vite e il suo terreno, tra l’uomo e la sua terra, tra le stagioni e la loro annata.
Quando parliamo di Prosecco Superiore parliamo di un viaggio che ogni anno il vino fa nello spazio, tra il tempo e insieme all’uomo.
Nello spazio del terroir che lo ospita. Durante le stagioni dell’annata che lo trasformano. Tra le mani del vignaiolo che lo lavora e lo rispetta.
Abbassare gli zuccheri significa alzare la presenza del vitigno nel bicchiere. Ridurli a zero vuol dire alzare le note per esprimere ogni suo sentore. Qui, in Garbara, facciamo questo nel nome della terra.


  • Vino bianco frizzante a rifermentazione in bottiglia
    Col Fondo

    «L'unico vino che imbottigliava mio padre e che io continuo a imbottigliare per andare in profondità della tradizione».
    Mirco Grotto.


    11,90

    Aggiungi al carrello